Tu sei qui: Home News Credito d'imposta amianto: pubblicato il decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale

Credito d'imposta amianto: pubblicato il decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale

Vengono rese finalmente operative le misure premiali per le imprese che effettuano interventi di bonifica dall'amianto su beni e strutture produttive nel 2016.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale - 17 ottobre 2016 n. 243 - il decreto attuativo del credito d'imposta amianto previsto dall’art. 56 della legge 221/2015.

Grazie alla pubblicazione del decreto 15 giugno 2016 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in collaborazione con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, vengono rese finalmente operative le misure premiali per le imprese che effettuano interventi di bonifica su beni e strutture produttive nel 2016.

I fondi a disposizione ammontano a 17 milioni di euro per il triennio 2017, 2018 e 2019, nel quale verrà spalmato in tre rate di uguale importo il credito eventualmente riconosciuto a seguito della proposizione della domanda. Tali richieste dovranno essere presentate al Ministero dell’Ambiente a partire dal trentesimo giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo fino al 31 marzo 2017.

La compilazione e trasmissione avverrà esclusivamente in formato informatico accedendo alla piattaforma dedicata che sarà resa accessibile sul sito del ministero, www.minambiente.it.

A pena di invalidità la domanda, sottoscritta dal legale rappresentante, dovrà contenere:

  • il costo complessivo degli interventi;
  • l’ammontare delle singole spese eleggibili e il credito d’imposta richiesto;
  • la dichiarazione di non usufruire di altre agevolazioni per le medesime voci di spesa.

A corredo dell’istanza dovranno essere inoltre presentati, a pena di esclusione, tutti i documenti relativi alla bonifica dei materiali contenenti amianto, nello specifico:

  • il piano di lavoro del progetto di bonifica unitariamente considerato presentato all'ASL competente;
  • la comunicazione alla ASL di avvenuta ultimazione dei lavori/attività di cui al piano di lavori già approvato comprensiva della documentazione attestante l'avvenuto smaltimento in discarica autorizzata e, nel caso di amianto friabile in ambienti confinati, anche la certificazione di restituibili a degli ambienti bonificati redatta da ASL;
  • l'attestazione dell’effettività delle spese sostenute, essa deve essere rilasciata dal Presidente del collegio sindacale, ovvero da un revisore legale iscritto nel registro dei revisori legali, o da un professionista iscritto nell’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, o nell’albo dei periti commerciali o in quello dei consulenti del lavoro, ovvero dal responsabile del centro di assistenza fiscale;

Questa agevolazione, rientrando negli aiuti ammessi dal Trattato dell’Unione Europea, necessita infine della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa agli altri aiuti «de minimi» eventualmente fruiti durante l'esercizio finanziario in corso e nei due precedenti.

Fonti: Gazzetta Ufficiale

Informazioni sul sito: realizzato con Plone e Python da Puntoit Servizi Informatici, design Gate01